Spettacolo teatrale “E ‘l modo ancor m’offende” di Giuliano Turone e Igor Grcko

Staff Museo Casa di DanteEventiLeave a Comment

 

17 febbraio 2016 ore 19,00 e  18 febbraio, ore 10.00 

AUDITORIUM AL DUOMO

Via De Cerretani, 54/r, Firenze

 

Firenze febbraio 2016 - bozza

E ‘l modo ancor m’offende

storie di donne offese dalla violenza

atto unico di Giuliano Turone

con Alessandra Mandese e Giuliano Turone

regia di Igor Grčko

Amor condusse noi ad una morte / Caina attende chi a vita ci spense…  

Questo spettacolo di teatro civile sulla violenza “di genere”, che si dipana attraverso il dialogo tra un professore eccentrico e un’aspirante docente di “educazione all’uguaglianza di genere”, si apre non a caso con i versi di Dante dedicati a Francesca da Rimini.

Una storia, quella di Francesca da Rimini, che sembra ideale per accompagnarci in un viaggio nella realtà odierna. Ed ecco allora gli attuali e innumerevoli episodi incresciosi di violenza sulle donne, che vanno dagli abusi più diversi al femminicidio. Sul versante italiano la pièce si sofferma in particolare sulla storia di Franca Viola, che nella Sicilia degli anni Sessanta seppe negare il “matrimonio riparatore” a colui che l’aveva rapita e stuprata, e sulla storia recente di Lucia Annibali, sfregiata nel volto con un acido dall’ex fidanzato: due donne che hanno dimostrato al mondo intero di essere infinitamente più forti e dignitose dei loro miserabili aguzzini, processati e condannati a pene esemplari. Ma lo spettacolo si sofferma anche su episodi di cui ci arriva notizia da altre parti del mondo. Ed ecco allora che Dante, poeta universale, ci dà lo spunto per riflettere anche sull’universalità del problema violenza di genere e sulla necessità di una battaglia culturale di dimensioni altrettanto universali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *