DANTE – LE ALTRE OPERE

Rime


All’interno delle Rime sono state fatte confluire tutte le liriche di Dante non comprese nella Vita nova o nel Convivio, e riunite secondo determinati nuclei tematici che evidenziano un diverso stile poetico dell’autore: abbiamo così le ‘liriche giovanili’ che si richiamano a Guittone d’Arezzo, quelle ‘stilnoviste’ il cui modello è rappresentato da Guinizelli e Cavalcanti, le ‘rime nove’ che presentano un allontanamento dal modello stilnovistico, le liriche della tenzone con Forese che si richiamano alla poesia comico-realistica, le canzoni dottrinali e, infine, le così dette rime ‘petrose’ caratterizzate dall’asprezza dello stile e dedicate alla crudele donna Pietra.


Vita Nova


Databile tra il 1294 e il 1296 la Vita nova è un prosimetro dove, all’interno dei 42 capitoli di cui è composta (o 32 secondo l’edizione di Guglielmo Gorni), si alternano 31 liriche. L’opera, di soggetto autobiografico, ruota attorno alla figura di Beatrice e all’amore che Dante ha nutrito nei suoi confronti, dal primo incontro alla mirabile visione che convincerà il poeta a parlare della donna amata come mai è stato fatto da alcun uomo.


Convivio


Scritto tra il 1304 e il 1307-8, dei 15 previsti dall’autore, il Convivio si compone di soli quattro trattati: il primo introduttivo e i restanti scritti in forma di prosimetro. Vero e proprio trattato di filosofia, il Convivio viene da Dante scritto in volgare affinché di esso ne possano usufruire tutti coloro che, pur essendo desiderosi di sapere, non possono avvicinarsi alla cultura dei dotti. I temi di cui trattano i commenti alle canzoni sono l’amore per la Filosofia, la felicità che questa dona agli uomini e, infine, la natura della nobiltà.


De vulgari eloquentia


Rivolta a un ristretto gruppo di intellettuali, questa opera che esalta, come lingua comune, l’uso di un volgare illustre, viene da Dante scritta in latino. Il De vulgari eloquentia è stato scritto tra il 1303 e il 1305 e, come il Convivio, è un’opera incompiuta in quanto si ferma al capitolo XIV del secondo dei quattro libri di cui doveva essere formato.


Monarchia


Scritta in latino, questa opera che fu posta all’indice dalla Chiesa, è il trattato con il quale Dante espone la sua dottrina politica relativamente alla necessità di un potere temporale appannaggio dell’Impero e non del potere ecclesiastico. Ancora aperta la data della sua composizione: il riferimento interno al testo al Paradiso ha fatto ritenere che il trattato sia stato scritto tra il 1313 e 1318 o addirittura tra il 1320 e il 1321; supponendo invece che il riferimento sia stato dall’autore aggiunto posteriormente, è stata avenzata l’ipotesi di una stesura avvenuta in occasione della discesa in Italia dell’Imperatore Arrigo VII, tra il 1311 e il 1313.


Epistole


Delle innumerevoli epistole scritte da Dante, che il Filelfo dice di avere personalmente avute sotto mano, solo tredici sono giunte fino a noi. Tra queste, la più importante è l’epistola XIII con la quale Dante dedica la terza Cantica della Commedia a Cangrande della Scala e che illustra il soggetto del poema (l’anima dell’uomo dell’aldilà) ed il suo scopo (indicare al genere umano la via dell’eterna felicità).


Egloghe


Si tratta di una corrispondenza poetica che Dante ha intrattenuto con Giovanni del Virgilio il quale aveva chiesto al poeta fiorentino di scrivere in latino un poema epico, così da estendere la sua gloria anche tra gli intellettuali. Con la prima egloga Dante risponde che egli non avrebbe rinunciato alla natura del suo fare poesia e con la seconda prende congedo dal del Virgilio che lo invitava nella sua dimora. Molte sono stati i dubbi avanzati dagli studiosi sulla autenticità delle Egloghe che Dante avrebbe scritto tra il 1320 e gli ultimi mesi della sua vita.


Il Fiore


L’opera, così chiamata nel 1881 da Fernand Castets che ne fu il primo editore, ha diviso gli studiosi circa la sua reale ascrivibilità a Dante; si tratta di 232 sonetti che compendiano il Roman de la Rose, in particolar modo il tema della battaglia politica che contrappose, nella seconda metà del XIII secolo, il clero secolare agli Ordini Mendicanti.


Detto d’Amore


È stato attribuito al medesimo autore del Fiore che autorevoli Dantisti come Parodi e Contini hanno riconosciuto essere opera di Dante. Il Detto d’Amore ci è giunto lacunoso in 480 versi che, sul modello del Roman de la Rose, costituiscono un piccolo trattato sull’amore cortese.


Quaestio de aqua et terra


Riconosciuta essere opera di Dante, la Quaestio de aqua et terra è un trattato condotto secondo la struttura della queastio filosofica in uso nella Scolastica. Il tema dell’opera venne esposto da Dante a Verona nel 1320: esso consisteva nella determinazione delle cause facenti sì che il globo terrestre non sia ricoperto dalle acque ma presenti una parte abitabile di terra emersa.